Epix di Orly per manicure favolosamente flessibili!

C’è una novità assoluta nel mondo del nailcare professionale e dopo averla provata avevo deciso di parlarvene in questi giorni. Oggi piove e mi sembra la giornata perfetta per un po’ di colore, siete d’accordo?

orly_epix

Orly  azienda che non necessita presentazioni (qui trovate un mio precedente post) ha creato un sistema bifasico straordinario, la nuova generazione del colore per unghie: “Epix” già dal nome si presenta come una vera e propria rivoluzione.
Una nuova categoria di colore che asciuga in 8 minuti senza l’ausilio di lampade, che dura fino a oltre una settimana e in caso di ritocco last minute si può rimodellare con un dito. Si, avete capito bene!
Grazie all’innovativa “Tecnologia Antisbeccatura” rimane elastico e flessibile impedendo la formazione di graffi e sbeccature.
Le mani rimarranno sempre curate anche se dobbiamo posticipare il nostro appuntamento periodico dall’estetista senza essere costrette a un cambio smalto per essere nuovamente in ordine.
Altra particolarità di questo metodo è l’esclusione della base, quindi dopo aver eseguito una manicure a secco e opacizzato leggermente l’unghia, l’onicotecnica passerà subito all’applicazione del Flexible Color.
Il polimero del colore si lega all’unghia ma la parte che contiene il pigmento rimane in alto, senza mai entrare in contatto con la lamina ungueale.
In questo modo non solo evitiamo di macchiare l’unghia (la base serve a quello) ma così facendo riduciamo i tempi del trattamento.
La stesura è resa precisa e omogenea grazie al pennello costituito da 600 setole e all’impugnatura “Gripper Cap”. Potete scegliere se fare una o due passate di colore.
Per rimuoverlo basterà un solvente delicato dei tanti in commercio.

Lo step successivo prevede l’applicazione del Flexible Sealcoat autolivellante che si fonde insieme al colore prescelto donando brillantezza. Questo prodotto andrà poi applicato a casa dopo tre giorni per mantenere lo smalto perfettamente sigillato. E se tu lo scalfisci? Basta scaldarlo con il polpastrello e lui si auto-ripara.

Le colleghe che in negozio lo utilizzano sono parecchio soddisfatte, sia per la facilità con cui questo smalto si adatta ad ogni tipo di unghia sia per la risposta positiva da parte delle clienti.

Epix è presente in 36 nuances, dal classico laccato che piace molto alle donne italiane e come darci torto, ai perlati e ai glitter più in auge all’estero.

Io ho già una rosa di preferiti, uno di questi è End Scene.

Annunci

Skincare: il cosmetico ideale!

Con questo post inizieremo a parlare di trattamenti quotidiani, come sieri, creme e prodotti specifici per la cura del viso e del corpo. Toccheremo vari argomenti e mi piacerebbe farlo anche in base alle vostre richieste e curiosità.
skin-care
Cominciamo dal dire che non tutti i prodotti si assomigliano anzi una grande differenza sta proprio tra cosmetico compensativo e cosmetico rieducativo. La prima categoria è la più comune, quasi tutte le case cosmetiche infatti utilizzano sostanze che inducano una reazione tampone e immediata sulla pelle andando così a compensare una problematica, ottenendo sicuramente un buon risultato ma limitato nel tempo. Il cosmetico rieducativo contiene sostanze simili, se non identiche a quelle già presenti nel tessuto cutaneo, per  riportare la pelle ad una condizione di equilibrio cercando di intervenire sulle sue funzioni metaboliche, ottenendo così un risultato più efficace e duraturo a lungo termine. Un esempio potrebbe essere questo: alcune creme contengo collagene per un’azione compensativa su pelli mature, altre invece contengono sostanze biomimetiche utili alla cute per la produzione del proprio collagene. Ad ogni funzione della pelle corrispondono determinate sostanze benefiche per combattere i vari  inestetismi.
Personalmente cerco di utilizzare cosmetici rieducativi, più affini alla complessità della pelle,  se  mi capita di utilizzare prodotti tradizionali (ce ne sono di ottimi) scelgo sempre la qualità.

discos-confezionamento-contoterzi-11-3
Dovete sapere che la pelle svolge diverse funzioni e  l’alterarsi di una  di esse, con il conseguente insorgere di un inestetismo specifico, condiziona le altre funzioni, creando un circolo vizioso con la manifestazioni di più inestetismi contemporaneamente. Questo può creare molta confusione ad un occhio non esperto e si tende a catalogare i tipi di pelle, riducendo il tutto alla definizione di  pelle mista. In realtà tutte noi abbiamo una pelle mista dato che le combinazioni sul nostro tessuto possono essere svariate e dovute al personale stile di vita, età anagrafica e composizione fisiologica. Un’altra informazione di cui tenere conto è la stagione in cui ci troviamo perché ci saranno prodotti ideali per i climi freddi e altri adatti al clima primaverile-estivo e all’esposizione solare.
Inoltre solo l’utilizzo ripetuto e l’applicazione continuata di un prodotto può aiutarvi ad ottenere una modificazione e un miglioramento visibile della zona trattata già nei primi 15 giorni di trattamento; considerate che il rinnovo cellulare completo avviene in un mese, il tempo ideale per intervenire efficacemente. Ecco perché il cosmetico ad uso domiciliare si trova in quantitativi da 50ml per la crema e 30ml per il siero, per poter essere consumato tutto in un lasso di tempo tra uno e due mesi. Provare per credere!

Crema viso perla_2-500x500

Sottoponendovi ad un’analisi della pelle da parte di un’esperta estetista riuscirete ad individuare la cura più adatta alla vostra cute. Se poi fosse un rieducativo ancora meglio.
Test-genetico-e-invecchiamento-della-pelle (1)
La qualità di un cosmetico è sempre in rapporto alla sua composizione, sostanze attive, tecnologie o brevetti contenuti, alla sua funzionalità e al rapporto qualità prezzo!
Ricordatevi che la nostra pelle è l’unico accessorio moda davvero personale!
trattamento-viso-luminoso-437x600

La nuova cosmesi, promessa di longevità

Le case cosmetiche hanno compiuto passi da gigante nella ricerca scientifica, soprattutto negli ultimi anni, creando prodotti di bellezza all’avanguardia che permettono risultati eccezionali. Il cliente finale è sempre più esigente e il bisogno di rimanere o “apparire” giovani è il desiderio di molti. La parola d’ordine per la cosmetica del futuro è longevità!
Formulazioni sempre più tecnologiche e performanti: si parla di dna cellulare, staminali, doppia protezione, brevetti e tecnologie che indicano un nuovo approccio nella cura della pelle.
Packaging  sempre più curati: linee hight tech, non solo per rendere la confezione più accattivante ma, soprattutto, per conservare meglio i cosmetici, facilitandone l’utilizzo e permetteci un’applicazione accurata.

dna_fotografia

Ci sono una vasta gamma di cosmetici in esposizione nei centri estetici e spa, profumerie farmacie ed erboristerie, e addirittura tra gli scaffali del supermercato, ma sono tutti validi?  E quali scegliere?  C’è molta confusione e soprattutto sempre più persone che si improvvisano “esperte” dello skincare…

029-4

La pelle è un organo molto delicato e allo stesso tempo il nostro confine tra ciò che è dentro e ciò che è fuori… per natura è in grado da sola di preservarsi ma vive molti cambiamenti cronologici e ormonali e viene costantemente sollecitata dall’esterno e dall’interno: sole, clima, cambi di temperatura, alimentazione, stili di vita, medicinali e malattie. L’insieme di tutte queste situazioni la porta a scompensi che intaccano il suo sistema fisiologico e predispongono un’alterazione del tessuto, un ruolo fondamentale lo gioca il capitale genetico.

Pelle-secca

La cosmetica e il settore medico/estetico devono andare in più direzioni simultaneamente e quello che sta cambiando nel mondo della bellezza è cercare di intervenire su tutti questi fattori: cause molecolari, biologia cellulare, patrimonio ereditario,  DNA e il suo stesso deterioramento, che portano un organismo e di conseguenza anche la pelle verso l’invecchiamento.

molecolamano

Visibilmente l’ invecchiamento non è solo la ruga ma l’insieme di tutti quegli inestetismi come: couperose, fragilità, disidratazione e impurità; che rappresentano i sintomi di un equilibrio ormai venuto meno, comportando l’ossidazione  del tessuto che comincia ad invecchiare e in alcuni casi anche precocemente.

pelle-secca-rimedi

Tutte noi siamo abituate alla cura della nostra pelle ma spesso quello che le riserviamo in realtà non sono attenzioni e coccole ma veri e propri maltrattamenti perché trattare e curare la pelle significa anche andare oltre la cura superficiale.

www.specchioedintorni.it-dry-skin

Lo sa bene l’estetista esperta della pelle sana, dispensatrice di preziosi consigli e abituata a toccare con mano l’argomento. Lei ha da sempre la consapevolezza che la cute è un’organo vivo e comunicante a più livelli strettamente legato al nostro cervello.

Luminous-Face (1)

Come ci rapportiamo alla nostra pelle dunque può influenzarne molto di più che il suo aspetto!
Quasi tutti i nuovi prodotti cosmetici, di qualità, cercano di intervenire dall’interno, in alcuni casi di riattivare le normali attività del tessuto e di produrre sostanze identiche a quelle che la stessa pelle in circostanze normali produrrebbe. Nella maggior parte dei casi arrivano a dare sostanze biostimolanti. Ovviamente non tutte le marche riescono a raggiungere standard veramente alti e spesso le varie diciture sono solo una scelta di comunicazione per essere al passo con le aziende più “IN” che investono davvero nella ricerca scientifica e che di essa si avvalgono. Non fatevi ingannare da profumazioni invitanti e confezioni accattivanti o da quanto sia famoso il marchio.

2.Packaging evolves to offer advanced formula protection (1)

La funzionalità di un prodotto dipende da tre fattori: tipologia di sostanze attive contenute nella formulazione, dal modo in cui queste sostanze vengono accettate e riutilizzate dai ricettori cellulari, e in che percentuale si presentano. In caso contrario il prodotto cosmetico non serve proprio a nulla. Ovviamente sono a favore della vera dermocosmesi costituita da prodotti biomimetici, biocomatibili e biodisponibili, 100% attivi!

Molecole-650x245

Possiamo quindi cercare di preservare la nostra giovinezza a tutte le età, il che tradotto in termini di bellezza significa avere una skincare che segua non solo la condizione endogena che stiamo vivendo,  ma che si adatti alla stagionalità e all’ambiente esterno con cui la nostra pelle si rapporta. Si può mantenere un colorito omogeneo e luminoso, tono e qualità dermica anche a 90 anni seguendo poche semplici regole e una beauty routine,  come l’igiene quotidiana,  soprattutto la sera,  detergendo la nostra pelle.

economia_cosmetica_main_image_object

Come spesso amo ripetere,  la pelle è l’accessorio più importante del nostro look e soprattutto è un pezzo unico! (è il mio slogan!)

Sappiate quindi scegliere con cura perché  in quel barattolo da 50 ml potrebbe esserci un elisir di lunga vita per la vostra pelle.